Ricomincia
la scuola
con l'inglese!

Lezioni di inglese online
con insegnanti madrelingua
Buzzy English: Make no mistake, non sbagliarti, che sia chiaro!
Pubblicato il in Insegnare l'inglese ai bambini
A cura di

Make no mistake, non sbagliarti, che sia chiaro!

Siamo arrivati all'articolo numero 100 della rubrica Trick and tricks di Buzzy English.

Il centesimo post tra false friends, modi di dire,, frasi idiomatiche, verbi irregolari e altri suggerimenti. Speriamo che fino ad ora i nostri articoli ti abbiano aiutato ad avvicinarti alla lingua inglese, a risolvere qualche dubbio e ad arricchire il vocabolario.

Make no mistake

L'espressione make no mistake è qualcosa di più di un semplice "non fare errori". In realtà è una espressione colorita che indica che si sta parlando di qualcosa di certo, con determinazione. Si potrebbe tradurre "non sbagliarti" nel senso di "che sia chiaro".

La mente mi va al lungometraggio di animazione disney Beauty and the Beast, quando l'arrogante e bello Gastone, dopo essere stato respinto da Belle, pronuncia:

I'll have Belle for my wife, make no mistake about it!, avrò Belle in sposa, che sia chiaro!

Importante ricordare che "fare un errore" non si traduce con il verbo to do ma con il verbo to make, uno dei tipici errori traducendo direttamente dall'italiano.

Quindi è corretto to make a mistake mentre suona male to do a mistake.

vediamo altri esempi di make no mistake.

Make no mistake, he knew everything even if he says he didn't, che sia chiaro, lui lo sapeva anche se ora lo nega.
Make no mistake, nothing is free, che sia chiaro, nulla è gratuito.
To learn from one's mistakes, imparare dai propri errori.
Make no mistake, if you don't fix that, you'll be grounded for a whole week!, che sia chiaro, se non istemi tutto, sarai in castigo per una settimana intera!

Mistake, errore

Il sostantivo mistake significa "errore", "sbaglio". Vediamo alcuni usi.

To learn from one's mistakes, imparare dai propri errori.
I pick the wrong size by mistake, ho preso la misura sbagliata per errore.
There must be some mistake, ci deve essere uno sbaglio.




Buzzy English: Traditional media, new media e social media: paradossi e criticità per l'apprendimento del bambino
Pubblicato il in Insegnare l'inglese ai bambini
Traditional media, new media e social media: paradossi e criticità per l'apprendimento del bambino

Da genitore mi preoccupo. Le informazioni sono ormai universalmente accessibili e potrebbe passare l'idea che il bambino sia aperto a una cultura illimitata e di facile comprensione. Non è proprio così, anzi. In questa tempesta di informazioni disponibili, poco o nulla si ferma nella memoria del bambino e quel poco in modo destrutturato. Vediamo anzi abbassarsi la soglia di attenzione e la capacità di comprensione. Non è tutto oro quello che lucciola. Vediamo di più. >>

Buzzy English: Vacanze che passione... e l'inglese?
Pubblicato il in Insegnare l'inglese ai bambini
Vacanze che passione... e l'inglese?

Finita la scuola, iniziano le vacanze e l'estate è davvero alle porte. E l'inglese? Il nostro consiglio è di continuare a studiarlo e praticarlo perché una lingua straniera è innanzitutto un'abitudine. E con Buzzy English potete continuare a insegnare l'inglese al bambino ovunque e quando vi torna più comodo anche in estate. >>

Buzzy English: Take it easy, frase idiomatica e prospettiva di apprendimento della lingua inglese
Pubblicato il in Insegnare l'inglese ai bambini
Take it easy, frase idiomatica e prospettiva di apprendimento della lingua inglese

Più ti preoccupi di come parli inglese, più difficile ti viene parlarlo. Se invece prendi l'inglese con tranquillità, lo impari meglio, lo capisci più facilmente e lo parli con maggiore spontaneità. Troppo bello per essere vero? >>

Buzzy English: Non più distanze, in tutti i sensi, per una nuova visione dell'insegnamento
Pubblicato il in Insegnare l'inglese ai bambini
Non più distanze, in tutti i sensi, per una nuova visione dell'insegnamento

Letteralmente, la distanza tra insegnante e studente è uno dei principali ostacoli all'apprendimento. Vediamo insieme come, quasi paradossalmente, l'insegnamento online possa accorciare le distanze. >>