Buzzy English: L'inglese al tempo del Covid
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
A cura di

L'inglese al tempo del Covid

Siamo arrivati all'insegnamento online partendo dall'insegnamento tradizionale in presenza. Per molti anni abbiamo vissuto l'inglese in classe, in stanze, ed individuale. Il limite che abbiamo riscontrato è la scarsa efficacia delle lezioni di gruppo e la difficoltà di poter garantire un vero approccio con un insegnante madrelingua inglese che si comporti da madrelingua...

La dispersività dei corsi di gruppo

I corsi di gruppo sono eccessivamente dispersivi e, a meno che il bambino non ha grande esuberanza, la lezione di fatto si riduce a pochi minuti per bambino e l'attenzione del bambino , nella distrazione del gruppo è molto bassa. Oltre all'impegno, le difficoltà e ai tempi persi per portare il bambino al corso.

L'importanza di avere insegnanti madrelingua all'estero

L'insegnante madrelingua che vive qui in Italia spesso parla italiano ed inevitabilmente l'italiano contamina l'esperienza dell'inglese, riducendo la necessità di comunicare in inglese a ogni costo come invece nelle nostre lezioni online.

Non solo, viene meno anche quell'esperienza preziosa del contatto, se pur a distanza, con culture diverse e mondi lontani in cui i nostri insegnanti sono immersi nella loro vita quotidiana.

Fin da subito risultati entusiasmanti

Quando abbiamo iniziato le lezioni online, superati i problmi tecnici dei primi momenti - creare una piattaforma di straming audio e video affidabile - sono subito emersi tutti i vantaggi e fin da subito i risultati sono diventati chiari come la luce del sole. In particolare perché i primi studenti online erano proprio bambini che venivano da corsi classici e, in pochissimo tempo, con sorpresa e soddisfazione degli stessi genitori, ma soprattutto degli stessi bambini, i risultati erano inequivocabili, visibili e... udibili!

Bambini che per anni, fin da piccoli avevano seguito corsi di vario genere, ora iniziavano a capire, comprendere e parlare. Con quella spontaneità che cambia ogni prospettiva nell'apprendimento di una lingua straniera e soprattutto dalla lingua inglese che ha in sé una componente istintiva e di immediatezza unica.

La soddisfazione del bambino diventa motivazione

E c'è anche un aspetto ancora più importante, sopra tutto quello che abbiamo appena detto. La soddisfazione del bambino stesso che si traduce in motivazione, il vero motore dell'apprendimento. Peccato che nelle nostre scuole spesso questo aspetto sia ignorato e si punti invece sulla severità - spesso gratuita - che invece gli studi sociologici dimostrano sia solo un freno all'apprendimento.

L'insegnamento online prima e dopo il Covid

mentre scrivevo questo sottotitolo, "dopo il Covid", ho sentito la speranza che ci sia presto un "dopo Covid" tout court dove questi due anni diventeranno un ricordo, pagine dei libri di storia.

Tornando al nostro topi,prima dei lockdown, delle chiusure delle aule fisiche e dell'inizio della DAD, dello smart schooling di Stato, l'insegnamento online in Italia era visto con sospetto.

Mentre noi vedevamo le straordinarie opportunità che invece l'insegnamento online della lingua ingles poteva offrire e offriva nei fatti, la famiglia italiano preferiva l'insegnamento in presenza.

La DAD e un nuovo approccio all'insegnamento online

La didattica a distanza (DAD) invece ha mostrato che un insegnamento a distanza non solo era possibile ma nella contingenza del momento era inevitabile. Con tutti i limiti di un insegnamento nei confronti del quale le nostre scuole si sono dimostrate impreparate, nonostante si sia parlato a lungo di Scuola 2.0, che ha riguardato certamente più un adeguamento della strumentazione tecnologia che non della metodologia di insegnamento.
Tuttavia con l'avvento della DAD "ufficiale", le lezioni online sono finalmente state accettate anche qui in Italia e guardate con nuovi occhi.

L'importanza dell'inglese ai tempi del Covid

Ma c'è di più. La Pandemia ci ha costretto a chiuderci e mantenere un distanziamento sociale che ci ha portato ad usare maggiormente internet e le tecnologie che ne fanno uso. Quindi social media, sistemi di messaggistica, motori di ricerca. E l'inglese permea questa realtà in modo capillare rendendosi sempre più indispensabile, addirittura più di prima.

Il progetto Buzzy English

Il nostro progetto nasce non per necessità, come invece la DAD, ma perché abbiamo sperimentato e visto le straordinarie opportunità che l'insegnamento online offre per la lingua inglese.
Questo ci distingue da tante altre realtà che invece per necessità hanno dovuto adeguarsi ad insegnare online, probabilmente credendoci poco e senza i mezzi realmente necessari.

Inevitabilmente in questa nuova fase ci sarà la voglia di tornare in presenza, d lasciare lo schermo di un computer o di un tablet, ma siamo convinti nella bontà di questi mezzi e che nel domani dei nostri bambini, finalmente potremo usare questi strumenti tecnologici per qualcosa di utile, come imparare l'insglese con lezioni individuali direttamente da insegnanti madrelingua all'estero formati per questo tipo di insegnamento.