Ricomincia
la scuola
con l'inglese!

Lezioni di inglese online
con insegnanti madrelingua
Buzzy English: Come si chiamano le note musicali in inglese
Pubblicato il in Si dice così
A cura di

Come si chiamano le note musicali in inglese

Per alcuni la musica è un contorno,una decorazione della vita, per altri (meincluso) è uno degli ingredienti della vita, senza il quale manca qualcosa. C'è musica nella voce, nel suono del mare, nel vento. Il tuono è musica. I passi che riconosciamo di una persona cara che torna a casa sono ritmo. Poi ci sono anche le stonature, le note fuori scala. Quando abbiamo un malinteso e proprio non ci capiamo.

Le note da noi hanno il nome Do Re Mi Fa Sol La Si, in questo ordine, la chiave appunto del capostipite Do. Perché Perché chiamiamo le note così?

Perché chiamiamo le note Do Re Mi Fa Sol La Si

Storia curiosa. Questa denominazione risale al XI secolo, ad opera di Guido Monaco, conosciuto anche come Guido d'Arezzo che attribuì il nome a ciascuna nota prendendo le prime due iniziali dei versi del canto in latino Ut queant laxis di , senza che l'autore avesse affatto pensato il canto per questo fine!

Ut queant laxis
Resonare fibris
Mira gestorum
Famuli tuorum
Solve polluti
Labii reatum,
Sancte Iohannes

Quindi a quel tempo la scala era Ut Re Mi Fa Sol La.

Mancava la settima nota, che fu ricavata dalle iniziali delle due parole che formavano 'ultimo versetto sempre del canto Ut queant laxis.

Sancte Iohannes

Perché la nota musicale Do si chiama così

La nota Ut, l'attuale "Do", fu successivamente sostituito appunto dal Do su iniziativa del teorico della musica Giovanni Battista Doni. Indovina perché? Già, le prime iniziali del suo cognome, Doni! Ognuno vuole lasciare un eco di sé nella vita e il nome della più importante nota musicale è un ottimo modo.

Perché in inglese le note si chiamano A B C D E F G

Prima di Guido Monaco, le note musicali venivano semplicemente indicate con le lettere dell'alfabeto, a partire dal "La" che era A. Quindi A B C D E F G.

A = La
B = Si
C = DO
D = Re
E = Mi
F = Fa
G = Sol

Come si dice diesis (♯) e bemolle (♭) in inglese

Per completare, diesis in inglese si dice sharp, quindi ad esempio, Do diesis (Do♯) si scrive C sharp (C♯).

Bemolle in inglese si dice flat, quindi ad esempio, Si bemolle (SI♭) si scrive B flat (B♭).

Non c'è dubbio che il nostro sistema sia più musicale e utile al solfeggio. Forse tuttavia, dico forse, è meglio il sistema antico, quello che usa le lettere dell'alfabeto. Perché? Perché è più semplice, perché è pi immediato, e la semplicità è, come abbiamo visto nell'articolo Se è facile, il bambino impara, uno dei segreti dell'apprendimento.

Buona musica e buona vita!
Music is life!


Buzzy English: No wonder, non c'è proprio da meravigliarsi!
Pubblicato il in Si dice così
No wonder, non c'è proprio da meravigliarsi!

Non c'è da stupirsi che... non c'è da meravigliarsi, una espressione colloquiale molto usata, breve ed efficace. No wonder, come vedremo, indica l'aver capito perché, il non stupirsi che, ed è accompagnata dalla giusta inflessione della voce. >>

Buzzy English: Long time no see, da quanto tempo non ci vediamo!
Pubblicato il in Si dice così
Long time no see, da quanto tempo non ci vediamo!

Un aspetto che mi piace della lingua inglese è la sua immediatezza. In inglese in poche parole riusciamo a trasmettere il messaggio. Come nel caso di long time no see, un modo di dire che è tanto che non ci vediamo con un'inflessione che dimostra entusiasmo, essere contenti di rivedere una persona. >>

Buzzy English: So far so good, e per ora va tutto bene!
Pubblicato il in Si dice così
So far so good, e per ora va tutto bene!

L'inglese è un lingua molto immediata. In inglese siamo capaci di esprimere un concetto con poche, brevi parola. Come in questo caso, so far so good è una risposta veloce e informale. Scopriamo di più. >>

Buzzy English: Inside out, tutto sottosopra
Pubblicato il in Si dice così
Inside out, tutto sottosopra

Non è solo un cartone animato Disney ma una espressione linguistica per dire che qualcosa è sottosopra, anche in senso figurato. Si compone di due avverbi dai molti significati, inside e out. >>