Summer English!
Porta l'inglese
in vacanza con te
ovunque!

Lezioni di inglese online
con insegnanti madrelingua
Buzzy English: Take it easy, frase idiomatica e prospettiva di apprendimento della lingua inglese
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
A cura di

Take it easy, frase idiomatica e prospettiva di apprendimento della lingua inglese

Lo so, sembra troppo facile detta così. Se la prendi con tranquillità, l'inglese si impara facilmente. Qualcosa del genere. Ma è vero!

Come guardare un film in inglese

Conosci l'inglese, guardi un film in lingua inglese ma non riesci a seguire i dialoghi. A meno che l'inglese non è la tua lingua madre, è probabile che queste parole ti siano familiari. Però c'è un però! Se lasci scorrere il film senza fermarlo e mandarlo indietro ogni due battute, a un certo punto, dopo circa una ventina di minuti, inizi a capire di cosa parlano e le parole sembrano molto più chiare e nitide. Perché? Perché nel passaggio dalla lingua italiana a quella inglese, c'è necessariamente una fase di tentativo di traduzione. Dopo qualche minuto però ci arrendiamo, quando abbiamo tradotto nella mente la prima frase, i protagonisti ne hanno già pronunciate altre cinque! In realtà, se ci pensiamo, è così anche nella nostra lingua. Non ci soffermiamo ad afferrare ogni singola parola, capiamo il senso della frase e interagiamo. Lo stesso va fatto con l'inglese, una volta superato l'istinto della traduzione, del controllo parola per parola, le frasi arrivano al nostro orecchio con il proprio significato e iniziamo a capire cosa sta accadendo nel film.

Come superare la paura di parlare in inglese al telefono

Non è differente la situazione quando parliamo ad esempio al telefono in inglese, le prime parole quasi sembrano non arrivare al nostro orecchio e entriamo in confusione. Ma se con un po' di pazienza continuiamo la conversazione, a un certo punto parliamo e ascoltiamo senza pensare che lo stiamo facendo in inglese. Comunque il telefono è il più temibile dei media, dei mezzi di comunicazione, perché la qualità dell'audio è bassa e manca completamente il contatto visivo.

Quindi, sì, è difficile parlare al telefono in inglese. E non c'è niente di male a chiedere all'interlocutore di parlare più lentamente o ripetere quello che ha detto. Fino al momento in cui non sarà più necessario, e ci concentreremo solamente sul contenuto di quello di cui si sta parlando e non più sul fatto che la conversazione è in inglese.

Come imparare a parlare in inglese

Imparare l'inglese e imparare a parlare in inglese sono due momenti diversi dell'apprendimento. Da una parte c'è la comprensione del testo e la capacità di scrivere. Dall'altra c'è la comprensione della lingua parlata e la capacità di parlare in inglese. Moto più facile scrivere in inglese che parlare in inglese. Ma non sempre. Ho conosciuto persone, appassionate di canzoni in inglese, che hanno imparato a parlare in inglese prima di saperlo scrivere.

Quando studiamo l'inglese sui libri acquisiamo vocabolario e grammatica. impariamo magari anche forme linguistiche e idiomi. Tuttavia il passaggio al parlato è difficile perché i tempi del parlato sono molto più veloci di quelli della lettura e della scrittura.

Come fare? Basta non pensarci e, come si suol dire, buttarsi. Senza paura di sbagliare. Senza assurdi sensi di vergogna. Senza pensare di essere giudicati.

Così come quando guardiamo un film, o affrontiamo una telefonata, bisogna superare il tentativo di controllare la lingua e semplicemente "viverla". perché le lingue parlate sono lingue vive, spontanee, immediate.

Si dice che il miglior modo di imparare una lingua sia andare all'estero e trovarsi in difficoltà. Come'è quel detto' Di necessità virtù. Già, quando finalmente ci rilassiamo, allora l'inglese diventa facile e parlando impariamo!

Take it easy, espressione idiomatica

Mentre ci siamo, riprendiamo il verbo to take che abbiamo già trattato nell'articolo Un verbo irregolare inglese eclettico. To take, took, taken della sezione Verbi irregolari inglesi.

Il verbo to take, oltre a voler dire "prendere" e "portare", assume molti significati a seconda del contesto e dell'avverbio che lo segue.
Take it easy letteralmente si potrebbe tradurre"prenditela facile", "prenditela comoda", e significa "tranquillo", "non ti preoccupare". Talvolta vine accorciato in un semplice easy! con enfasi nella pronuncia della parola.

Non pensare che stai parlando in inglese

Questo in fondo è il segreto, la lingua straniera va parlata e basta. E parlando la impariamo. Se non ti senti a tuo agio a parlare in inglese perché non siamo abbastanza bravo, allora non lo diventerai mai!

Buffo, tanti anni fa durante una mia visita a Los Angeles negli Stati Uniti, una amica americana mi ha detto che il mio inglese scritto era migliore dell'inglese scritto di molti americani. Un bel complimento ma la ragione per cui me lo diceva era che al momento di parlare in inglese, ero molto timido. Già, avevo paura di sbagliare, di non capire, come tutti. Poi mi sono trovato a insegnare comunicazione in lingua inglese per ventotto ore la settimana sette mesi l'anno, e non ho più avuto tempo di preoccuparmi e di pensarci. Ho iniziato a vivere l'inglese.

Spero che ora sia chiaro il messaggio, non preoccuparti e l'inglese ti verrà spontaneo. Take it easy and English comes easy.



Buzzy English: L'inglese si impara d'estate!
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
L'inglese si impara d'estate!

L'inglese d'estate è più facile. Non è una frase ad effetto o una provocazione ma è un invito ad approfittare del lungo periodo estivo per continuare ad avvicinare il bambino alla lingua inglese. Vediamo insieme perché e perché proprio in estate. >>

Buzzy English: Didattica digitale, didattica a distanza, smart schooling. Finalmente un uso utile della tecnologia per la scuola
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
Didattica digitale, didattica a distanza, smart schooling. Finalmente un uso utile della tecnologia per la scuola

La tecnologia digitale è entrata nella didattica delle nostre scuole da tempo, tuttavia spesso con metodi e modi che lasciano dubbi sull'effettiva utilità. Oggi la tecnologia si rivela finalmente utile senza se e senza ma. >>

Buzzy English: Smart schooling, il modo nuovo di insegnare del ventunesimo secolo
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
Smart schooling, il modo nuovo di insegnare del ventunesimo secolo

Se ne parla sempre di più e a noi fa piacere. Sì, perché fino a ora tante persone erano perplesse mentre la contingenza degli avvenimenti sta mettendo in risalto i tanti pregi di questo nuovo approccio educativo. Scopriamo di più insieme! >>

Buzzy English: Traditional media, new media e social media: paradossi e criticità per l'apprendimento del bambino
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
Traditional media, new media e social media: paradossi e criticità per l'apprendimento del bambino

Da genitore mi preoccupo. Le informazioni sono ormai universalmente accessibili e potrebbe passare l'idea che il bambino sia aperto a una cultura illimitata e di facile comprensione. Non è proprio così, anzi. In questa tempesta di informazioni disponibili, poco o nulla si ferma nella memoria del bambino e quel poco in modo destrutturato. Vediamo anzi abbassarsi la soglia di attenzione e la capacità di comprensione. Non è tutto oro quello che lucciola. Vediamo di più. >>