Summer English!
Porta l'inglese
in vacanza con te
ovunque!

Lezioni di inglese online
con insegnanti madrelingua
Buzzy English: Pay a visit... ma non devi pagare niente!
Pubblicato il in Si dice così
A cura di

Pay a visit... ma non devi pagare niente!

Paga una visita, paga attenzione, paga un complimento... ecco cosa accade se traduciamo parola per parola specifiche formule linguistiche inglesi in italiano. Stiamo parlando delle espressioni inglesi che usano il verbo to pay per dire "fare".

Un tempo i traduttori online non contestualizzavano la traduzione, oggi sono molto più affidabili anche se in alcuni casi continuano a non riuscire a tradurre cogliendo il senso del discorso. Al momento in cui scrivo, se su Google translator scrivo appunto "pay a visit", il traduttore inglese-italiano mi restituisce "pagare una visita". Sotto, tra le traduzioni alternative trovo invece correttamente "fare visita". Se invece allo stesso traduttore chiedo di tradurre la frase contestualizzata come "pay a visit to someone", allora la traduzione sarà quella che cerchiamo.

Anche in questo caso sono espressioni che devono essere conosciute e soprattutto usate. Dire pay a visit deve essere una cosa istintiva, non un ricercare nella memoria di quella formula che abbiamo studiato un tempo e che oggi vorremmo proprio ricordare! L'istinto nel parlare la lingua inglese si sviluppa semplicemente grazie all'ascolto e al parlare. Tutto qui, facile facile, basta ascoltare e parlare.

Altre espressioni che derivano dal verbo to pay

Pay a visit to someone oppure pay someone a visit per dire "fare visita" a qualcuno, andare a trovare qualcuno.

Pay attention to something oppure pay something attention per dire "fare attenzione" a qualcosa e non certo pagare l'attenzione.

Pay a tribute to someone oppure pay someone a tribute che non vuol dire pagare un tributo a qualcuno, una tassa, bensì "rendere omaggio" a qualcuno!

Pay a compliment to someone oppure pay someone a compliment non vuol dire che devi pagare per avere un complimento da qualcuno, bensì "fare un complimento" a qualcuno.

Quindi il suggerimento è quello di esporsi alla lingua inglese, ascoltare l'inglese parlato. Come? Ad esempio puoi guardare film in inglese, oppure puoi leggere libri in inglese e annotare queste formule linguistiche a cui non siamo abituati e, senza timidezza, usarle alla prima occasione per memorizzarle e farle proprie. Solo così imparerai un inglese che non è più soltanto inglese "scolastico".



Buzzy English: Guess what? Indovina un po'...
Pubblicato il in Si dice così
Guess what? Indovina un po'...

Pensiamo spunto al precedente articolo sull'espressione lucky guess per parlare del modo di dire guess what? Espressione di uso comune, carina ed enfatica. >>

Buzzy English: Qualche volta ci si azzecca... lucky guess!
Pubblicato il in Si dice così
Qualche volta ci si azzecca... lucky guess!

Una espressione utile per indicare quando qualcuno fa una supposizione stravagante e ci prende... lucky guess significa, letteralmente supposizione fortunata. Scopriamo di più. >>

Buzzy English: Let alone, figuriamoci!
Pubblicato il in Si dice così
Let alone, figuriamoci!

Figuriamoci! Per non dire che. Senza prendere in considerazione. Let alone è una espressione inglese il sui senso supera la somma delle due parole che la compongono. Scopriamo di più insieme. >>

Buzzy English: Make no mistake, non sbagliarti, che sia chiaro!
Pubblicato il in Si dice così
Make no mistake, non sbagliarti, che sia chiaro!

Make no mistake è una espressione che dà un tono al discorso. indica decisione e determinazione, qualcosa di certo. Non sbagliati, che sia chiaro, è inevitabile! Come modo di dire non ha una traduzione perfetta in italiano ed è di uso comune. >>