Apri le porte al futuro di tuo figlio
APRI LE PORTE
AL FUTURO
DI TUO FIGLIO
Lezioni di inglese online per bambini
Buzzy English: Pay a visit... ma non devi pagare niente!
Pubblicato il in Si dice così
A cura di

Pay a visit... ma non devi pagare niente!

Paga una visita, paga attenzione, paga un complimento... ecco cosa accade se traduciamo parola per parola specifiche formule linguistiche inglesi in italiano. Stiamo parlando delle espressioni inglesi che usano il verbo to pay per dire "fare".

Un tempo i traduttori online non contestualizzavano la traduzione, oggi sono molto più affidabili anche se in alcuni casi continuano a non riuscire a tradurre cogliendo il senso del discorso. Al momento in cui scrivo, se su Google translator scrivo appunto "pay a visit", il traduttore inglese-italiano mi restituisce "pagare una visita". Sotto, tra le traduzioni alternative trovo invece correttamente "fare visita". Se invece allo stesso traduttore chiedo di tradurre la frase contestualizzata come "pay a visit to someone", allora la traduzione sarà quella che cerchiamo.

Anche in questo caso sono espressioni che devono essere conosciute e soprattutto usate. Dire pay a visit deve essere una cosa istintiva, non un ricercare nella memoria di quella formula che abbiamo studiato un tempo e che oggi vorremmo proprio ricordare! L'istinto nel parlare la lingua inglese si sviluppa semplicemente grazie all'ascolto e al parlare. Tutto qui, facile facile, basta ascoltare e parlare.

Altre espressioni che derivano dal verbo to pay

Pay a visit to someone oppure pay someone a visit per dire "fare visita" a qualcuno, andare a trovare qualcuno.

Pay attention to something oppure pay something attention per dire "fare attenzione" a qualcosa e non certo pagare l'attenzione.

Pay a tribute to someone oppure pay someone a tribute che non vuol dire pagare un tributo a qualcuno, una tassa, bensì "rendere omaggio" a qualcuno!

Pay a compliment to someone oppure pay someone a compliment non vuol dire che devi pagare per avere un complimento da qualcuno, bensì "fare un complimento" a qualcuno.

Quindi il suggerimento è quello di esporsi alla lingua inglese, ascoltare l'inglese parlato. Come? Ad esempio puoi guardare film in inglese, oppure puoi leggere libri in inglese e annotare queste formule linguistiche a cui non siamo abituati e, senza timidezza, usarle alla prima occasione per memorizzarle e farle proprie. Solo così imparerai un inglese che non è più soltanto inglese "scolastico".



Buzzy English: On second thought, a ripensarci bene
Pubblicato il in Si dice così

On second thought, a ripensarci bene

Qualche volta cambiamo idea e il modo di dirlo è on second thought, a ripensarci bene. Una formula linguistica veloce ed efficace che presume non tanto un ripensamento ma una nuova valutazione. >>

Buzzy English: Come si dicono le note musicali in inglese
Pubblicato il in Si dice così

Come si dicono le note musicali in inglese

Chi è appassionato di musica sa che mentre da noi la scala di note è il classico Do Re Mi Fa Sol La Si, negli spartiti anglosassoni si ritrovano come le lettere dell'alfabeto A B C D E F G. Vediamo meglio perché. >>

Buzzy English: Forma inglese I want you to do, da non sbagliare
Pubblicato il in Si dice così

Forma inglese I want you to do, da non sbagliare

I want you to do è una forma inglese da non sbagliare. Se invece traduci letteralmente "io voglio che tu faccia" dall'italiano, facciamo uno degli errori più importanti nella grammatica inglese. >>

Buzzy English: May your dream come true! Il migliore augurio per ogni evenienza
Pubblicato il in Si dice così

May your dream come true! Il migliore augurio per ogni evenienza

Che i tuoi sogni si possano avverare. Ecco un augurio che mi piace molto. In italiano suona un po' artificiale e accademico, in inglese invece è una espressione di uso comune. Vediamone le tante sfaccettature e forme. >>