Ricomincia la scuola
con l'inglese!

 
Lezioni di inglese online
con insegnanti madrelingua

 
Chiedi una lezione di prova GRATUITA*
Buzzy English: Traditional media, new media e social media: paradossi e criticità per l'apprendimento del bambino
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
A cura di

Traditional media, new media e social media: paradossi e criticità per l'apprendimento del bambino

Il mio punto di vista sull'argomento nasce da 11 anni di insegnamento nel settore della comunicazione con corsi dedicati alla storia e sviluppo dei media nel tempo. I media tradizionali (carta e voce, i primi annunci, poi i primi poster, gli strilloni). I , la televisione e la radio principalmente e il così detto web 1.0 con la loro struttura gerarchica e controllata. Quindi internet 2.0 e i social media con la loro struttura decentralizzata e diffusa.

Il mio punto di vista nasce anche dal fatto di essere io stesso un genitore.

Brevissima introduzione allo sviluppo dei media nel tempo

A differenza della maggior parte delle persone ho vissuto lo sviluppo dei media all'interno della mia carriera professionale. Da graphic designer la carta stampata e la pubblicità era il mondo in cui mi muovevo. Poi c'erano già i new media ed ho ricordo del passaggio della televisione dal bianco e nero ai colori. Fino all'avvento di internet , l'esplosione dell'ecommerce e dei contenitori di contenuti, i così detti social media, dove i contenuti non sono più gestiti e "imposti" in modo gerarchico da soggetti accentratori ma in modo diffuso e decentrato da chiunque di noi voglia contribuire.

Internet 2.0 e social media: l'illusione della cultura a portata di mano

Proprio come ho titolato, è un'illusione. Ne parlavo con un altro genitore mentre i bambini giocavano fuori al parco in una serata di mezza estate. Esiste sì una disponibilità impressionante di informazione universalmente accessibile ma non esiste ordine e non esiste selezione. Come cantava una canzone di qualche tempo fà, siamo soggetti a too much information, e il nostro cervello ha difficoltà a selezionare l'informazione valida da quella che non lo è, l'informazione da trattenere sotto forma di ricordo nella memoria dalle informazioni passeggere. per comprendere meglio il meccanismo della memoria, puoi leggere i precedenti articoli Ripetizione, sinergia e sinestesia. I fondamenti dell'apprendimento del bambino e Usiamo i 5 sensi (anzi 6) per insegnare l'inglese ai bambini.

Altro problema è la tipologia di informazione. Si tratta in stragrande maggioranza di una informazione risolutiva, che offre la soluzione a una problematica, i così detti tutorial senza in realtà insegnare a risolvere il problema (il metodo). Per questo tutti seguendo step by step un tutorial su YouTube possiamo fare una torta fantastica, un disegno straordinario, o riparare qualcosa senza in realtà imparare a farlo. In altre parole, senza apprendere.

In che modo Buzzy English utilizza gli strumenti tecnologici

la nostra idea fin da subito è stata quella di non rinunciare al modo tradizionale di insegnare l'inglese, l'interazione di un insegnante madrelingua con il bambino.
L'idea è quella di utilizzare le nuove tecnologie per farlo, rendendo meno dispendioso in termini di tempo (nessuno spostamento) e più divertente venendo incontro a un mondo tecnologico in cui comunque il bambino è immerso e abituato.

Fino a ora tutte le nostre esperienze di insegnamento con Buzzy English sono positive, senza eccezioni. Buzzy English è un'opportunità straordinaria per il bambino, noi ci crediamo fino in fondo.

Prima di chiudere il discorso, propongo un contenuto di Federico Pistono sull'argomento.


Buzzy English: L'inglese si impara d'estate!
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
L'inglese si impara d'estate!

L'inglese d'estate è più facile. Non è una frase ad effetto o una provocazione ma è un invito ad approfittare del lungo periodo estivo per continuare ad avvicinare il bambino alla lingua inglese. Vediamo insieme perché e perché proprio in estate. >>

Buzzy English: Didattica digitale, didattica a distanza, smart schooling. Finalmente un uso utile della tecnologia per la scuola
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
Didattica digitale, didattica a distanza, smart schooling. Finalmente un uso utile della tecnologia per la scuola

La tecnologia digitale è entrata nella didattica delle nostre scuole da tempo, tuttavia spesso con metodi e modi che lasciano dubbi sull'effettiva utilità. Oggi la tecnologia si rivela finalmente utile senza se e senza ma. >>

Buzzy English: Smart schooling, il modo nuovo di insegnare del ventunesimo secolo
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
Smart schooling, il modo nuovo di insegnare del ventunesimo secolo

Se ne parla sempre di più e a noi fa piacere. Sì, perché fino a ora tante persone erano perplesse mentre la contingenza degli avvenimenti sta mettendo in risalto i tanti pregi di questo nuovo approccio educativo. Scopriamo di più insieme! >>

Buzzy English: Vacanze che passione... e l'inglese?
Pubblicato il in Smart schooling, insegnare l'inglese ai bambini
Vacanze che passione... e l'inglese?

Finita la scuola, iniziano le vacanze e l'estate è davvero alle porte. E l'inglese? Il nostro consiglio è di continuare a studiarlo e praticarlo perché una lingua straniera è innanzitutto un'abitudine. E con Buzzy English potete continuare a insegnare l'inglese al bambino ovunque e quando vi torna più comodo anche in estate. >>