"Hurricane" di Eden Golan, la canzone più discussa dell'Eurovision Song Contest 2024 di Malmö
Pubblicato il in Inglese dal mondo
di

Hurricane di Eden Golan: il testo e il significato della canzone

Le ultime due edizioni dell'Eurovision Song Contest purtroppo sono state caratterizzate da l'esclusione di un Paese e la contestata partecipazione di un altro, impegnati in guerre diverse.

Si parla ovviamente della Russia, estromessa dopo l'attacco all'Ucraina. E si parla oggi di Israele, accusata di una reazione sproporzionata all'aggressione subita nell'ottobre dell'anno scorso dai territori di Gaza, e la cui partecipazione è stata oggetto di discussione e contestazione.

La discussa partecipazione di Israele all'Eurovision Song Contest 2024

Israele è stata ammessa a partecipare nonostante le richieste di estromissione, ed è rappresentata dall'artista Eden Golan con una canzone che con grande trasporto porta il sentimento della ferita che Israele ha subito in quelle giornate di ottobre.

"October Rain", il titolo originario della canzone di Eden Golan

La canzone originalmente doveva chiamarsi proprio "October Rain" in riferimento alla pioggia di missili che avevano caratterizzato l'attacco subito Ma anche in riferimento alle lacrime per le vite portate via. Un riferimento inevitabilmente con un segno anche politico. All'Eurovision non sono ammessi riferimenti politici. L'Eurovision nasce per unire e non per dividere o contestare.

"Hurricane" il titolo modificato della canzone di Eden Golan

La canzone è stata poi modificata ed il suo titolo definitivo è Hurricane che trasmette il sentimento di stravolgimento - quello che porta un uragano quando passa - senza quel riferimento esplicito all'attacco che rappresentavano le parole october rain, pioggia di ottobre.

Le reazioni alla performance di Eden Golan durante la seconda semifinale dell'Eurovision

La reazione alla performance di Eden Golan era certamente la più temuta dagli organizzatori, tuttavia si è svolta in un clima abbastanza sereno, nonostante alcuni fischi di dissenso del pubblico.

"Hurricane", la canzone

La canzone è una delle migliori in gara. Non c'è dubbio. Ha una melodia chiara e molto bella, e l'esecuzione di Eden Golan è al tempo delicata, potente e struggente ma senza eccessi. Il crescendo del ritornello tocca le corde di emozioni che danno brividi.

La voce di Eden Golan è perfetta, controllata ma non troppo, una voce vera che osa anche qualcosa sul palco.

Il significato del testo della canzone

Jon Bon Jovi, in un concerto, raccontava che le canzoni nascono da un evento ma si astraggono, diventano molto di più. E diventano ancora di più quando il pubblico le fa proprie. E "Hurricane", al di là della questione politica da cui nasce, ha questo aspetto. Le parole sono poesia e la melodia le accompagna creando profondità e coinvolgimento.

La canzone è in inglese con la strofa finale in ebraico.
Proponiamo il testo e la sua traduzione. Da provare a leggere senza preconcetti. Cogliendo le parole e quei colori ed emozioni che quelle parole suscitano.

Il testo è di Avi Ohayon e Keren Peles. L'arrangiamento di Avi Ohayon, Keren Peles e Stav Beger.
La canzone è cantata da Eden Golan.

"Hurricane"

Writer of my symphony
Play it with me
Look into my eyes and see
People leave but they never say goodbye

(Scrittore della mia sinfonia
Suona con me
Guardami negli occhi e vedi
Le persone se ne vanno ma non dicono mai addio)

Someone stole the moon tonight
It took my light
Everything is black and white
Who's the fool who told you boys don't cry?

(Qualcuno ha rubato la Luna stasera
Ha preso la mia luce
Tutto è in bianco e nero
Chi è il pazzo che ti ha detto che i ragazzi non piangono?)

Hours and hours, empowers
Life ain't a game, but it's ours
As time goes wild

(Ore e ore, ci fortifica
La vita non è un gioco, ma è nostra.
Mentre il tempo si scatena.)

Every day I'm losing my mind
Holding on to this mysterious ride
Dancing in the storm

(Ogni giorno che passa sto perdendo la testa
Mi aggrappo a questa misteriosa corsa
Ballando nella tempesta)

I've got nothing to hide
Take it all and leave the world behind
Baby, promise me you'll hold me again
I'm still broken from this hurricane
This hurricane

(Non ho niente da nascondere
Prendi tutto e lascia il mondo alle spalle
Amore, promettimi che mi abbraccerai di nuovo
Sono ancora spezzato da questo uragano
Questo uragano)

Living in a fantasy, ecstasy
Everything is meant to be
We shall pass but love will never die

(Viviamo in una fantasia, in estasi
Tutto è destinato ad essere
Passeremo, ma l'amore non morirà mai)

Lo tzarich milim gdolot
Rak tfilot
Afilu eem kashe lirrot
Tamid ata masheer li or echad katan

(Don't need big words
Just prayers
Even if it's hard to see
You always leave me a small light)

(Non servono grandi parole
Solo preghiere
Anche se è difficile da vedere
Mi lasci sempre una piccola luce)


Buzzy English è un centro preparatore Cambridge English Qualifications

Altri articoli dalla sezione Inglese dal mondo

I piatti della tradizione di Natale dell'Inghilterra
Pubblicato il in Inglese dal mondo
di Gloria Patricia Taylor
I piatti della tradizione di Natale dell'Inghilterra

Dall'antico Christmas Pudding al regale tacchino arrosto, ogni piatto porta con sé una narrazione che si intreccia con la storia dell'Inghilterra >>

Perché i cantanti inglesi spesso cantano in americano
Pubblicato il in Inglese dal mondo
di
Perché i cantanti inglesi spesso cantano in americano

Può risultare sorprendente sentire cantare un cantante britannico o irlandese e percepire un accento americano. In realtà è abbastanza naturale. >>

Christmas Caroling: la tradizione del canto di Natale porta a porta
Pubblicato il in Inglese dal mondo
di Gloria Patricia Taylor
Christmas Caroling: la tradizione del canto di Natale porta a porta

La tradizione di cantare canzoni natalizie alle porte delle case è un gesto affettuoso che ha trovato una forma unica e coinvolgente nel Nordamerica >>

I piatti della tradizione di Natale negli Stati Uniti d'America
Pubblicato il in Inglese dal mondo
di Gloria Patricia Taylor
I piatti della tradizione di Natale negli Stati Uniti d'America

Scopri la ricetta (provata e approvata) dei Gingerbread Cookie, i festosi biscotti di pan di zenzero, e i piatti tipici del Natale americano >>