L'insegnante madrelingua porta la propria pronuncia e la propria cultura ai ragazzi in un contesto coinvolgente e fuori dai soliti schemi scolatici.
L'insegnante madrelingua porta la propria pronuncia e la propria cultura ai ragazzi in un contesto coinvolgente e fuori dai soliti schemi scolatici.
Pubblicato il in Smart schooling
di Tracy Liu

Il Progetto Madrelingua nelle scuole italiane

Da dove nasce il modello di insegnamento Buzzy English? Nasce dalla mia esperienza personale. Sono statunitense di nascita e presto mi è stato chiesto dai genitori dei compagni delle mie bambine di insegnare l'inglese ai loro figli già in età da scuola materna e scuola elementari.

L'esperienza nel sistema scolastico italiano e le origini di Buzzy English

In questo percorso, vivendo in un piccolo paese e grazie al passaparola, presto mi è stato chiesto di occuparmi del progetto madrelingua inglese nelle scuole medie inferiori e talvolta nelle scuole elementari. E a tutt'oggi me ne occupo.

Un'esperienza preziosa che mi ha fatto notare le lacune del sistema di insegnamento italiano quando si tratta delle lingue straniere, trattate come materia scientifica più che come una vera e propria forma di comunicazione. Buzzy English trova la propria mission proprio nel voler colmare queste lacune e questo gap che c'è tra l'Italia ed altri Paesi europei nell'apprendimento effettivo della lingua inglese parlata.

Il progetto madrelingua nelle scuole italiane

Il progetto Madrelingua si distingue come un'iniziativa innovativa e efficace per esporre gli studenti alla lingua straniera in modo autentico e coinvolgente.

Obiettivi

Il cuore del progetto Madrelingua risiede nell'obiettivo di esporre gli studenti alla lingua straniera attraverso l'interazione diretta con una persona che parla la lingua, nel mio caso la lingua inglese, come lingua madre, appunto madrelingua. Rappresenta un'occasione per esporre i bambini e i ragazzi alla lingua straniera in modo reale e autentico. Una esposizione preziosa in particolare quando si tratta della pronuncia. Ma non solo, è anche un modo di mostrare nuove culture e rendere i ragazzi cittadini del mondo.

Metodologia

Le attività possono includere conversazioni, giochi, esercizi di comprensione orale e molto altro, tutti condotti esclusivamente nella lingua straniera e possibilmente al di fuori dello schema classico scolastico, proprio per stimolare un apprendimento spontaneo e motivare gli studenti.

Il Progetto Madrelingua nelle Scuole Elementari

Nelle scuole elementari, il progetto Madrelingua offre un'opportunità unica per gli studenti di iniziare il loro viaggio nell'apprendimento di una lingua straniera in modo coinvolgente e autentico, in una età in cui il bambino è ancora molto ricettivo e riesce ad "assorbire" in modo spontaneo suono e parole.

Attraverso incontri regolari con una persona madrelingua, gli studenti vengono esposti alla lingua straniera in un ambiente rilassato e stimolante. Le attività possono includere giochi, canzoni, storie e attività artistiche condotte esclusivamente nella lingua straniera. Questo approccio ludico non solo rende l'apprendimento divertente, ma aiuta anche gli studenti a sviluppare una base solida di vocabolario e strutture linguistiche fondamentali. L'interazione con una persona madrelingua offre agli studenti un'opportunità preziosa per acquisire una pronuncia autentica fin dalle prime fasi del loro apprendimento linguistico. In questo modo, il progetto Madrelingua nelle scuole elementari svolge un ruolo fondamentale nel preparare gli studenti per un successo duraturo nel loro percorso di apprendimento delle lingue straniere.

L'esperienza Buzzy English con i bambini nella fascia di età tra i 4 e i 12 anni

Non a caso il modello Buzzy English risulta estremamente efficacie proprio nelle fasce di età tra i 4 e i 12 anni, età in cui il bambino ancora non si pone troppe domande e si immerge facilmente nella lezione Buzzy English e nella lingua inglese.

Il Progetto Madrelingua nelle Scuole Medie Inferiori

Nelle scuole medie inferiori, il progetto Madrelingua viene spesso integrato nel curriculum di lingua straniera esistente. Gli studenti hanno l'opportunità di interagire con la persona madrelingua in sessioni regolari programmate durante l'orario scolastico. Questo approccio consente agli studenti di sviluppare gradualmente le loro capacità linguistiche attraverso l'esposizione costante e l'immersione nell'ambiente linguistico straniero.

Il Progetto Madrelingua nelle Scuole Superiori

Nelle scuole superiori, il progetto Madrelingua può essere integrato in modo più approfondito nel programma di studi, con attività più avanzate e mirate a soddisfare le esigenze linguistiche degli studenti più anziani. Gli studenti potrebbero essere coinvolti in progetti di ricerca, dibattiti o performance teatrali condotte interamente nella lingua straniera. Questo livello di coinvolgimento permette agli studenti di affinare le loro competenze linguistiche e di sviluppare una comprensione più profonda della lingua e della cultura straniere.

Benefici del Progetto Madrelingua

I benefici del progetto Madrelingua sono molteplici. In primo luogo, offre agli studenti un'esperienza di apprendimento autentica e significativa, che favorisce una maggiore motivazione e interesse per la lingua straniera. In secondo luogo, migliora le capacità di comprensione orale e di conversazione degli studenti, consentendo loro di acquisire una pronuncia più accurata e una maggiore fluidità nella lingua straniera. Infine, il contatto diretto con una persona madrelingua fornisce agli studenti una preziosa esposizione alla cultura e al contesto sociale del paese di origine.

Il progetto Madrelingua rappresenta un'importante evoluzione nell'insegnamento delle lingue straniere nelle scuole medie e superiori. Offrendo agli studenti un'esperienza di apprendimento autentica e coinvolgente, il progetto Madrelingua si propone di sviluppare competenze linguistiche e culturali essenziali per il successo in un mondo sempre più globale e interconnesso.


Buzzy English è un centro preparatore Cambridge English Qualifications

Altri articoli dalla sezione Smart schooling

Perché l'inglese è difficile per i bambini italiani
Pubblicato il in Smart schooling
di
Perché l'inglese è difficile per i bambini italiani

I motivi che rendono difficile l'inglese per i bambini italiani sono sicuramente più di uno. Vediamoli insieme in una prospettiva didattiva. >>

Lezioni di inglese a ridotto impatto ambientale
Pubblicato il in Smart schooling
di
Lezioni di inglese a ridotto impatto ambientale

Gli spostamenti sono un impegno di tempo e risorse e soprattutto una fonte di inquinamento. Lo Smart Schooling riduce gli spostamenti e il tempo impiegato >>

Non più distanze, in tutti i sensi
Pubblicato il in Smart schooling
di Tracy Liu
Non più distanze, in tutti i sensi

La distanza tra insegnante e studente è uno dei principali ostacoli all'apprendimento. Vediamo come l'insegnamento online accorcia le distanze >>

Soglia di attenzione del bambino e prospettiva didattica
Pubblicato il in Smart schooling
di Tracy Liu
Soglia di attenzione del bambino e prospettiva didattica

Attention span, soglia di attenzione, il tempo ottimale in cui il bambino impara senza sforzo e senza stancarsi >>